Una lezione attiva è un momento di scambio, di partecipazione, di dialogo tra docente e alunni, un’occasione per conoscere, ma anche per conoscersi. La strada maestra per conseguire tale risultato, prevede come elementi centrali i metodi attivi. L’insegnante che “attiva”, sollecitando parti diverse del cervello, alza il livello di attenzione e di curiosità al conoscere, stimola il sistema nervoso e riduce i momenti in cui la sola parola monocorde produce pensieri fluttuanti e vaghi.

Stiamo parlando di interazioni dinamiche, piccole animazioni e mini role-playing, attivazioni del corpo, cooperative learning, tutte tecniche semplici che un insegnante può introdurre gradualmente nelle sue lezioni.

Mappe e tecniche del corso sono provenienti dalla psicologia sociale, dalla neurobiologia interpersonale e dalla pedagogia attiva.

Per attivare concretamente il cervello degli studenti, possiamo dire che sono tre i centri di attivazione per rendere attivi gli studenti:

  • Attivare con la parola: Una parola circolare come enzima, perché? Prima regola, ridurre i monologhi
  • Attivare con le emozioni: Emozioni come forme primarie, perché? È fondamentale non esagerare con la razionalità
  • Attivare col corpo: Una miniera ricchissima e sottoutilizzata, perché? Evitare di stare sedentari e solo fermi.

I dieci metodi attivi

Tuttavia, è bene specificare che non esiste un solo modo di attivare il cervello degli studenti allo scopo di renderli partecipi durante la lezione e migliorare l’apprendimento. infatti, possiamo rintracciare fino a 10 metodi attivi:

  • Lezione attiva, i tre passi nuvole-terreno-frutti
  • Tecniche non direttive
  • Giochi di ruolo e mini role-playing
  • Cooperative learning
  • Misure minimali per l’attivazione del corpo in classe
  • L’importanza di scrittura e disegni
  • Set di ascolto nella lezione
  • Caricare il cervello, tra concretezza, dubbi, curiosità
  • Il taccuino pratico dell’insegnante che attiva

Tecnicadella scuola.it ha preparato un corso apposito, trovi le indicazioni qui .